Intervista a Greta Ray cantante, attrice, fotomodella: amo la mia follia ed è l’unica cosa che mi fa sentire normale

Rivoluzionaria e dolce, folle e normale… ma anche uno sguardo deciso tipico di chi ha le idee chiare. Cantante, fotomodella, attrice, artista visionaria che con la sua immagine cerca di reinventare in qualche modo il “già visto” l’autenticità è la sua prerogativa, quella di oggi è una intervista per capire cosa si nasconde dietro il fenomeno da un milione e mezzo di click sul suo canale you tube. La Cover su break magazine moda da spazio ad una promessa, lei si chiama Greta Ray  ed è una vera artista dai tratti internazionali, quindi “stories” tra Instagram e Facebook…  poi alcuni frammenti della sua vita privata, i migliori scatti come fotomodella i suoi progetti e molto altro ancora, allora per i molti fan non resta che leggere questa intervista

 

Poliedrica, trasformista, eccentrica, dove nasce questa tua passione dell’essere artista?

Ciao a tutti sono Greta Ray modella professionista, cantante ed attrice. Innanzitutto vorrei ringraziare Break Magazine e tutta la redazione per questo bellissimo articolo. Dunque, tutto ebbe inizio all’età di 3 anni, i miei genitori mi raccontavano che stavo le ore a guardare le sfilate in tv. La nonna mi passò l’amore per il canto, ricordo quando cantavamo insieme le canzoni dei cartoni animati. All’età di 4 anni realizzai il mio primo shooting fotografico per una nota rivista italiana (Famiglia Cristiana) per numerosi brand di calzature. A 9 anni frequentai un corso privato di pianoforte e dal 2015 lezioni di canto con Max Cenatiempo e Giancarlo Genise. Nel 2017 fondammo la MMG Trend Production con Martin Moog e Max Cenatiempo che si occupa tutt’oggi della mia produzione artistica. Nell’ultimo anno mi sono appassionata al campo cinematografico e frequento lezioni di recitazione.

 

Modelle e Fotomodelle: quanto conta l’aspetto fisico e quanto invece quello caratteriale per il successo in questo lavoro?

Non posso negare che al giorno d’oggi l’aspetto fisico è molto importante per la carriera artistica di una ragazza soprattutto nella moda e nel cinema. Amo sempre presentarmi in modo impeccabile, sia nell’aspetto fisico che comportamentale. Essere educati, modesti e rispettosi è sicuramente un grande vantaggio per la tua persona e per il pubblico che ti segue.

 

Partiamo dal debutto. Come ti sei sentita a uscire per prima nella sfilata?

Uscire come prima modella in una sfilata mi è capitato diverse volte all’inizio della carriera. Mi ricordo benissimo la prima volta che fu in occasione di un concorso, dietro le quinte avevo l’ansia a manetta e mi tremavano le gambe, ancora oggi mi succede prima di un concerto o prima di una passerella ma dopo i primi 30 secondi dall’uscita si trasforma tutto in adrenalina e parte il divertimento.

Rimanendo nel tuo settore quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Quest’anno proveremo con Sanremo Giovani, incrociamo le dita, a novembre molto probabilmente uscirà il mio quarto singolo e nel 2019 l’album completo. Attualmente sono testimonial di JustItaly e presto prepareremo il nuovo catalogo di abiti da sera con corpetto in legno. Sono anche testimonial di un nuovo brand “Easily Jeans” e sto attuando tantissime nuove collaborazioni come con Dreamland MakeUp Milano, ButNot, Soufeel e molti altri. Anche nel campo cinematografico ci sono dei progetti molto importanti come attrice protagonista ma per ora non posso ancora svelare nulla. Vi invito a seguirmi su Facebook (Greta Ray Model & Singer), Instagram (greta_ray_official) e YouTube per rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità.

Quant’è importate la follia in una donna come te?

Molte persone reputano “follia” una parola negativa, dal mio punto di vista l’artista deve anche essere un po’ folle altrimenti che artista sarebbe? Spesso di notte vado in giro in macchina senza una meta ascoltando musica fino alle 4 del mattino, quest’estate in America, in un super market ho fatto degli scatti particolari a prova di timidezza, cosa sarebbe la vita senza un pizzico di follia?

Cosa accade nella tua vita privata?

Non riesco a dedicare molto tempo alla vita privata. Il lavoro mi occupa circa sedici ore al giorno divise tra studio di produzione, allenamento fisico e shooting fotografici in tutta Italia. Ovvio che il mio tempo libero lo condivido con la famiglia, il mio ragazzo e gli amici, andando al cinema, shopping e qualche volta al bowling, anche se sono un po’ imbranata.

Un sogno nel cassetto che si è realizzato?

Un mio sogno nel cassetto è sempre stato quello di cantare un mio brano inedito davanti a tante persone. Quest’estate a Marina di Cecina, al RadioStop Festival in compagnia di tanti BIG della musica italiana come Elodie, Irama, Anna Tatangelo.. ho presentato il mio terzo singolo “Vista Mare” con la mia crew di ballerini di fronte a 25.000 persone. È stata un’esperienza incredibile e molto emozionante.

C’è un personaggio a cui ti ispiri per creare le tue canzoni?

Adoro e ammiro James Blunt, sia per la sua grande capacità interpretativa sia per le sue canzoni. Gli inglesi hanno la capacità innata di arrangiare le musiche con pochi strumenti armonizzandoli in modo perfetto, infatti gli arrangiamenti dei miei brani hanno un sound e una linea melodica british con il testo in italiano.

Ultima domanda, il senso della vita?

A volte non è facile rispondere a certe domande interiori ma penso che ognuno di noi abbia avuto il dono di esistere e bisogna lavorare sodo e sfruttare al meglio questa fantastica occasione. La vita è una sola e solo noi stessi abbiamo la possibilità di viverla al meglio. Il detto dice “come semini raccogli”.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.