Sadie Gray seductive model : L’altra faccia del Glamour

La bellezza, nel senso più ampio del termine, riguarda ogni aspetto del mondo, dalla natura, alla letteratura, all’essere umano. È quel sentimento che suscita nelle persone una sensazione di attrazione e benessere lo stesso è accaduto quando abbiamo intervistato il personaggio che vogliamo presentare oggi, lei si chiama Sadie Gray, fotomodella italiana che sta conquistando vette sempre più alte tra instagram e facebook, un patrimonio di bellezza da preservare, tutto made in italy, autentica e passionale oggi Sadie si racconta a cuore aperto a noi di Break Magazine Moda.

 



Cosa ti ha spinto a fare la modella. Era già un tuo sogno da bambina?

In realtà no però mi sono sempre presa molta cura del mio aspetto esteriore, e durante l’ultimo anno di liceo ammetto di aver fatto dei casting per entrare in alcune agenzie di moda a Roma, purtroppo senza successo non avendo l’altezza o altri requisiti a quanto pare.
Come dico sempre ho iniziato per gioco: essendo una persona molto curiosa quando mi è stato chiesto di posare per un servizio fotografico ho deciso di provare e testarmi in una cosa nuova per me.

Che sensazioni hai provato durante il tuo primo servizio fotografico?

Il primissimo servizio era con una mia amica per cui ero tranquillissima e a mio agio, inoltre mi piaceva molto il mood dello shooting perché era tema anni ’20. Ho sempre adorato travestirmi o cambiare look e quella è stata l’occasione per occuparmi di tutto: dai capelli, ai vestiti, all’atteggiamento da femme fatale sul set. Mi sono divertita molto.

Una domanda frivola. Qual è il tuo outfit preferito?

In realtà dipende dal mio stato d’animo. Ci sono giorni in cui amo indossare vestiti comodi e larghi e giorni in cui mi piace osare. Diciamo che da quando faccio questo lavoro passo gran parte del mio tempo indossando vestiti sexy o lingerie, per cui cerco di vestirmi più easy nel resto del tempo.

In un mondo sempre più social Qual è il tuo la rapporto con instagram?

Io adoro instagram perché mi piace il fatto di vedere dei contenuti immediati nel feed di una persona, per cui già a primo impatto capisci cosa quella persona vuole comunicare senza perderti in sezioni e sotto sezioni che magari puoi trovare in un sito o in un altro social. Ovviamente con l’avvento degli influencer e simili credo che i social abbiano perso gran parte dell’autenticità, infatti in ogni profilo (fotografico quanto meno) i feed si somigliano un po’ tutti. Prendiamo i tanti profili di fashion blogger o di viaggi o di modelle. Sono davvero tutti simili e tutti fatti benissimo, per cui anche la competitività è diventata difficile da raggiungere. Non amo molto il continuo cambiamento degli algoritmi e delle policy di instagram, che oscurano o danno visibilità ad alcuni profili seguendo criteri quanto mai assurdi.

Che importanza dai ai social network?

Essendo per lo più una modella freelance i social network sono appunto la rete che mi consente di lavorare, conoscere persone, proporre trasferte ecc. Credo che, come dicevo prima, ultimamente sia sempre più difficile stare al passo con i contenuti di altri blogger nel proprio settore: c’è sempre qualcuno più bello, più ricco, con più sponsor, che fa viaggi più belli, che si veste meglio ecc. Credo che il mondo dei trend e dei social vada ad ondate, e dopo tutto questo cercare di produrre il contenuto più interessante o più artistico ci sarà l’ondata in cui si proverà a tornare all’autenticità, in cui tutti ci rilasseremo di più e verrà premiata la pubblicazione di contenuti meno studiati ed artefatti. La cosa che non amo dei social è infatti l’ansia psicologica con cui ti ‘costringono’ ad essere sempre presente ed a postare continuamente per non perdere il tuo seguito di followers. Per chi lavora con i social può essere davvero stressante l’idea di non poter prendersi una pausa di più giorni senza perdere il controllo delle notifiche, dei followers ecc, o il dover continuamente proporre contenuti nuovi ed interessanti, quasi fossimo intrattenitori. Per quello che mi riguarda personalmente, il seguito virtuale non è di certo una cosa primaria nella mia vita, io amo i contatti veri e profondi con le persone. Purtroppo questo lavoro ti obbliga ad instaurare rapporti con degli avatar fondamentalmente, e devi accettare il gioco se vuoi far parte di questo mondo.

C’è un fotografo con cui vorresti lavorare? 

Sì ce ne sono tantissimi certo, non saprei neanche da dove iniziare.

Modelle e Fotomodelle: quanto conta l’aspetto fisico e quanto invece quello caratteriale per il successo in questo lavoro?

Come in ogni caso dipende con chi lavori: diciamo che l’aspetto fisico è il biglietto da visita, ciò che spinge fotografi o artisti di vario genere a contattare le modelle per i propri progetti, ed è per questo importantissimo. Ovviamente una buona predisposizione caratteriale è sempre un’ottima cosa per creare un bel feeling sul set: a nessuno piace lavorare con una persona arrogante, annoiata o nervosa. Inoltre io cerco sempre di metterci del mio in quello che faccio, ovviamente interpreto il ruolo che mi viene richiesto quando faccio uno shooting ma, lì dove posso, mi piace far emergere qualcosa di me, solitamente tramite lo sguardo.

Rimanendo nella moda quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Al momento ciò che amo di quello che faccio è il fatto che mi permetta di viaggiare tanto e spostarmi in tutto il mondo. Quindi per ora il mio obiettivo rimane quello di continuare a proporre i miei contenuti artistici in tutto il mondo e crescere facendo esperienze sempre nuove. Questo settore ti insegna tanto perché hai modo di confrontarti continuamente con situazioni e persone diverse.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.