La Nigeria tra designer e rivoluzione della moda iperlocale

0 77
entre i commercianti siedono al lato dei loro negozi con scompartimenti in scatola al mercato New Alade di Ikeja, Lagos, la maggior parte delle vendite riguarda abbigliamento e tessuti importati. I sarti srotolano risme di tessuto cerato olandese, noto come stampa ankara, sui loro banchi da taglio, mentre le ragazze delle vendite appendono scaffali di abiti colorati originariamente progettati per i gusti europei.
La Nigeria un tempo ospitava la più grande industria tessile africana con 180 stabilimenti che impiegavano più di 450.000 persone negli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, secondo la Cornell Alliance for Science . Nel 2017, erano in funzione solo 25, secondo una revisione del settore del 2017 da parte dell’Oxford Business Group. Le importazioni a basso costo, combinate con l’indebolimento delle infrastrutture, hanno portato gli artigiani tessili della Nigeria sull’orlo del collasso. Ora, molti tessuti riconosciuti a livello globale come “stampe africane” sono prodotti in serie all’estero.
Ma negli ultimi anni, le etichette di lusso nigeriane che lavorano con tessuti di produzione locale hanno portato nuova vita nel settore. Mentre marchi dinamici come Maki Oh, Post Imperial, Duro Olowu e Orange Culture hanno incorporato motivi ispirati ad adire (tessuti dipinti a mano con coloranti indaco naturali da artigiani yoruba nel sud-ovest della Nigeria) nelle loro collezioni, una nuova generazione di talenti sta adottando con entusiasmo il antichi metodi di produzione a basso impatto dietro i tessuti tradizionali, non solo la loro estetica. Per alcuni, questo ha significato rivisitare l’aso-oke, un tessuto di cotone tessuto su telai a mano utilizzando tecniche che sono rimaste per lo più invariate dal XV secolo.
Questo abbraccio all’artigianato sostenibile arriva in un momento in cui l’industria della moda è costretta a fare i conti con il suo impatto sull’ambiente. Secondo un rapporto del 2017 della Ellen MacArthur Foundation, le emissioni totali derivanti dalla produzione tessile globale, pari a 1,2 miliardi di tonnellate metriche all’anno, superano quelle di tutti i voli internazionali e del trasporto marittimo messi insieme Se le cose non cambiano, il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente stima che queste emissioni aumenteranno di oltre il 50% entro il 2030.
Ecco cinque designer nigeriani in prima linea in questa ondata di cambiamento.

Leave A Reply

Your email address will not be published.