Diritto all’oblio fac simile: scarica il pdf per la legge sulla privacy

0 68

Nel corso degli ultimi anni è mersa sempre di più la questione del diritto all’oblio, largamente condivisa in ambito comunitario e non solo. Esigenza che ha ottenuto un primo importante riconoscimento con la nota sentenza della Corte di Giustizia Europea (13 maggio 2014), laddove si è espressamente riconosciuto il diritto per i cittadini europei di richiedere, ai motori di ricerca, di eliminare dalle pagine che elencano i risultati, i link verso informazioni che li riguardano, nel caso ove tali dati fossero ritenuti “inadeguati, irrilevanti o non più rilevanti, o eccessivi in relazione agli scopi per cui sono stati pubblicati”.  A soli due anni da tale pronuncia, le istituzioni comunitarie si sono attivate con un vero e proprio atto normativo,

il Regolamento UE n. 2016/679, entrato in vigore il 25 maggio, il quale, unitamente alla Direttiva 2016/680, è stato definito il “Pacchetto europeo protezione dati”. Il Regolamento Ue riconosce espressamente il cd. “diritto all’oblio”, quale diritto di optare per la cancellazione, e non ulteriore sottoposizione a trattamento, dei propri dati personali non più necessari per le ragioni per le quali sono stati raccolti, nel caso di revoca del consenso o in caso di opposizione al trattamento dei dati personali che lo riguardano.

In particolare, l’art. 17 del citato Regolamento, sotto la rubrica “diritto alla cancellazione”, disciplina puntualmente il diritto all’oblio. La norma richiamata indica esattamente i casi in cui l’interessato può richiedere la cancellazione/oblio dei propri dati personali nonchè le specifiche deroghe all’obbligo di cancellazione (in sintesi, diritto di informazione, adempimento obbligo legale motivi di interesse pubblico).

Di seguito, potrete trovare, senza presunzione di completezza ed a mero titolo esemplificativo, un fac-simile per la richiesta di cancellazione ed esercizio del diritto di oblio:

Leave A Reply

Your email address will not be published.