Sai da dove vengono i tuoi diamanti? Alexandre Corrot di Djula su come tracciare le tue pietre

0 287
suoi gioielli ricchi di diamanti e glam rock sono stati indossati da Rihanna, Taylor Swift, Nicki Minaj e Jennifer Lopez. Ma per Alexandre Corrot, fondatrice e direttrice artistica del marchio di gioielli parigino Djula , c’è più alla sua pratica che alla popolarità e al potere delle stelle.
In vista della fiera di gioielli e orologi di Doha di quest’anno , ha parlato con la BREAK MAGAZINE di empowerment, fiducia e perché i gioiellieri di tutto il mondo dovrebbero prestare attenzione a dove vengono le loro pietre.
Alexandre Corrot, direttore artistico di Djula, ha fondato il marchio nel 1994.

Alexandre Corrot, direttore artistico di Djula, ha fondato il marchio nel 1994. Credit: Courtesy Djula
 Dove cerchi l’ispirazione?
Alexandre Corrot: in viaggio. Viaggio molto tra gli Stati Uniti e l’Europa. Ho trascorso gran parte della mia estate a Los Angeles l’anno scorso, e ha portato questa nuova collezione con un sacco di turchese, con un gypsy chic.
In che modo il tuo background francese influenza il tuo lavoro?
Lavoro a Parigi, quindi ho ancora la mia ispirazione principale da lì. Adoro ancora sedermi in un bar e guardare le persone che passano. Adoro vedere la donna parigina quando cammina con fiducia, e il suo stile mi ispira ancora oggi.
Che tipo di gioielli – e quanto – ti indossi?
Indosso sempre il mio filo spinato , di solito due o tre, con un orologio.
Ho basato la mia prima collezione maschile secondo i pezzi (indosso). Con la mia prima collezione da uomo, avevo disegnato per me i pezzi per me stesso, e mi sono fermato per strada (da persone che volevano) per sapere da dove provenivano i miei pezzi.

Per gentile concessione di Djula
Di quale pezzo non potresti vivere senza?
Il mio braccialetto di filo spinato, tutto il giorno tutti i giorni. Quando lo indosso, mi sento forte e, sai, cazzuto.
Come speri chi lo indossa quando indossa uno dei tuoi pezzi?
Voglio che si senta sicura e forte e che esprima la sua personalità attraverso i miei gioielli. Voglio che lei abbia fiducia in chi è, soprattutto in questi giorni con tutto ciò che sentiamo . Voglio che sia potenziata.
Di quale epoca sei più influenzato? C’è un individuo che è la tua più grande influenza?
Direi gli anni ’30 e l’era moderna, i 2010. Voglio ancora che le mie collezioni soddisfino la donna dai sette ai 77 anni, come diciamo in francese. Abbiamo una collezione molto ampia ed espansiva, quindi voglio che piaccia a tutti, non importa quanti anni hai o quale sia il tuo background.

Per gentile concessione di Djula
Cosa ne pensi delle pietre preziose che attirano così tante culture nel tempo?
I diamanti sono per sempre. Quando una donna compra un gioiello, vuole che duri tutta la sua vita, e poi lo trasmetta (in basso) come ricordo di lei. Le pietre sono per sempre.
Descriveresti la creazione di gioielli come più arte o artigianato?
Direi entrambi. Tutta la creazione, che è nella zona dell’arte, e poi tutto il savoir faire del laboratorio è il mestiere.
Chi – vivente o morto – ti piacerebbe aver indossato i tuoi gioielli?
Lady Diana. Era molto consapevole di quello che stava succedendo nel mondo quando era qui, e penso che abbiamo ancora bisogno di gente così.
Quale problema pensi che l’industria della gioielleria debba prendere più sul serio?
La tracciabilità delle pietre. Ne siamo molto, molto consapevoli. Vogliamo conoscere ogni fase di provenienza delle nostre pietre. Questo è molto, molto importante. Ho figli e sto pensando ai bambini di tutto il mondo che sono costretti a lavorare per quelle pietre in condizioni molto dure. Abbiamo un’etica molto forte a Djula.

Per gentile concessione di Djula
80%
Awesome
  • Design

Leave A Reply

Your email address will not be published.