Chi sono le 8 persone più ricche d’america?

0 252

LONDRA – Gli otto individui che possiedono almeno la metà del resto del pianeta sono tutti uomini e hanno in gran parte fatto fortuna nella tecnologia. La maggior parte sono americani, con un europeo e un messicano nel mix. Molti si sono impegnati a dare tutto in beneficenza.

Il patrimonio netto degli otto tycoon, come calcolato dalla rivista Forbes, è stato citato lunedì dagli attivisti anti-povertà Oxfam in un rapporto che evidenzia l’ineguaglianza dei redditi. Anche se la maggior parte di loro non si unirà alla riunione annuale delle élite economiche e politiche nella città svizzera di Davos questa settimana, la straordinaria ricchezza individuale che caratterizzano sarà parte delle discussioni della riunione sulla disuguaglianza.

Ecco uno sguardo a chi sono.

 Bill Gates, co-presidente del Bill & amp; Melinda Gates Foundation, parla durante una discussione sull’innovazione ospitata da Reuters a Washington, USA, il 18 aprile 2016. REUTERS

BILL GATES: $ 75 MILIARDI

L’uomo il cui nome è una parola d’ordine per miliardario. Gates ha co-fondato Microsoft a metà degli anni ’70, trasformandolo nella più grande azienda di software del mondo e contribuendo a rendere i computer un oggetto domestico. Ha lasciato il CEO nel 2000 e ha promesso di dedicare la sua fortuna alle sue attività filantropiche nella Bill and Melinda Gates Foundation. Ha gradualmente ridotto la sua proprietà in Microsoft a meno del 3%, con la maggior parte della sua ricchezza in un’azienda privata. È l’unico della lista a frequentare regolarmente Davos.

AMANCIO ORTEGA: $ 67 MILIARDI

La persona più ricca in Europa, Ortega ha aperto il primo negozio di moda Zara nel 1975. Ora, la catena, parte del gruppo Inditex di Ortega, ha 7.000 negozi in tutto il mondo. Il suo boom di popolarità è in gran parte dovuto a un modello a basso costo che compete con artisti del calibro di H & M. Con il crescere delle dimensioni di Zara e Inditex, Ortega, uno spagnolo, deteneva una partecipazione di maggioranza del 59% nella società, che ha un valore di mercato di oltre 97 miliardi di euro ($ 102 miliardi).

WARREN BUFFETT: $ 60,8 MILIARDI

L’oracolo di Omaha, come è noto per il modo in cui ogni sua decisione di investimento è seguita da migliaia. Buffett iniziò ad investire come adolescente negli anni ’40 e gradualmente divenne la sua azienda, la Berkshire Hathaway. Buffett, 86 anni, è notoriamente frugale e preferisce investire in società con comprovati modelli di business rispetto a nuove industrie, come nella tecnologia. Ha detto che donerà la maggior parte della sua ricchezza alla filantropia. Dal 2006, ha donato blocchi di azioni del Berkshire alla Fondazione Bill e Melinda Gates.

 Il miliardario messicano Carlos Slim, interviene in una conferenza stampa a Città del Messico il 19 gennaio 2010, dove ha annunciato il suo contributo da 65 milioni di dollari alla ricerca genomica. Il Carlos Slim Health Institute ha annunciato oggi che contribuirà a uno studio di tre anni con scienziati messicani e il Broad Institute of MIT e Harvard negli Stati Uniti nella ricerca sul genoma che potrebbe eventualmente contribuire alle cure per il diabete e altre malattie. HENRY ROMERO / Reuters

CARLOS SLIM HELU: $ 50 MILIARDI

Il magnate messicano deve la sua fortuna a una grande proprietà in America Movil, una multinazionale delle telecomunicazioni del valore di $ 42 miliardi. Possiede personalmente circa il 7 percento della società, mentre la sua famiglia allargata detiene una quota del 37 percento. È stato classificato come la persona più ricca tre anni fa, ma ha visto la sua rete degna di essere colpita da una recessione nelle economie dell’America Latina. Le minacce del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di rottamare le trattative di libero scambio e costruire un muro sul confine tra Stati Uniti e Messico hanno danneggiato anche le parti dei suoi interessi commerciali. Forbes stima che il suo patrimonio netto è sceso di $ 5 miliardi nei quattro giorni successivi all’elezione di Trump.

JEFF BEZOS: $ 45,2 MILIARDI

Il fondatore e CEO di Amazon.com ha contribuito a rivoluzionare il settore della vendita al dettaglio, rendendo popolare lo shopping online. Quello che inizialmente era un negozio di libri online ora vende praticamente tutto. Bezos ha raggiunto oltre l’Amazon, in cui detiene una quota del 17 percento, per cimentarsi in altre industrie. Ha comprato il Washington Post e creato una società aerospaziale, Blue Origin, che mira a rendere lo spazio accessibile ai turisti e ai clienti paganti.

 L’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg guarda prima di un incontro con il primo ministro russo Dmitry Medvedev nella residenza di Gorki fuori Mosca, il 1 ° ottobre 2012. REUTERS / Alexander Zemlianichenko / Pool REUTERS

MARK ZUCKERBERG: $ 44,6 MILIARDI

Ha fondato Facebook nel 2004 mentre uno studente universitario per collegare altri studenti di Harvard. La società divenne popolare a livello mondiale e quotò le sue azioni pubblicamente nel 2012, facendo di Zuckerberg, ora 32 anni, un multibillionaire. È riuscito a rendere redditizio Facebook laddove i concorrenti come Twitter sono rimasti indietro e lo ha ampliato con acquisizioni mirate. Lui e sua moglie si sono impegnati a vendere il 99% delle loro partecipazioni in Facebook – oltre 400 milioni di azioni, per un valore di circa $ 50 miliardi – a sostegno di cause filantropiche.

LARRY ELLISON: $ 43,6 MILIARDI

Da giovane programmatore negli anni ’70, il primo grande cliente di Ellison era la CIA. Il nome del progetto era “Oracle”. Nel 1977, Ellison e collaboratori hanno usato quel nome per la loro azienda, che crea software che aiuta a gestire i database e da allora è diventato uno standard del settore. Recentemente Ellison si è concentrato maggiormente sul cloud computing, in cui i dati vengono archiviati e gestiti attraverso una rete di computer. La sua fortuna deriva dalla quota del 27 percento che possiede ancora in Oracle, una società del valore di $ 160 miliardi.

MICHAEL BLOOMBERG: $ 40 MILIARDI

Creato l’omonimo fornitore di informazioni finanziarie nel 1981 dopo essere stato licenziato da una banca d’investimento. Bloomberg ne ha fatto un business redditizio, in particolare vendendo terminali di dati a società di servizi finanziari. I terminali multischermo sono diventati strumenti essenziali nel settore, incorporando informazioni di mercato in tempo reale con un servizio di notizie. Bloomberg, che secondo quanto riferito mantiene una quota dell’88 percento nella società privata, si è rivolta alla politica nel 2001, diventando sindaco di New York per tre mandati.

80%
Awesome
  • Design

Leave A Reply

Your email address will not be published.