Ossessione dalla ricchezza americana

0 207
È una festa del 4 luglio nel 1993. Una ragazza di 18 anni, persa nei suoi pensieri, siede vicino a una piscina color acquamarina vicino a Los Angeles. Una benda chirurgica bianca e incontaminata viene schiaffeggiata sul suo viso, dal sopracciglio al labbro superiore. Il suo nome è Lindsey.
“Avevo voluto fare il mio naso da quando avevo dodici anni”, riflette. La maggior parte dei suoi compagni di scuola aveva già avuto un intervento di chirurgia plastica: i seni si sono ridotti o ingranditi, il grasso è stato rimosso, i nasi sono finiti. Possiamo vedere dalla fotografia che Lindsey ha finalmente ottenuto il desiderio del suo cuore. Tre giorni dopo l’intervento, è felice? È difficile da dire.
La fotoreporter californiana Lauren Greenfield, che ha catturato questa scena, ha documentato il sogno americano in tutte le sue permutazioni negli ultimi 25 anni circa. Con l’ossessione del maniaco del lavoro, è diventata affascinata dalla ricchezza e dalla fama e da ciò che lei chiama “l’influenza dell’affluenza” – come le persone cercano di scimmiottare come vivono i ricchi.
La sua produzione è stata prodigiosa: circa 300 saggi fotografici per riviste e giornali oltre gli estremi della cultura del consumo: “bling, celebrità e narcisismo”.
Il suo archivio di oltre mezzo milione di foto è stato ora condensato in 600 immagini in “Generation Wealth”, un libro da caffè da 7 libbre rilegato in modo seducente in seta dorata, e al dettaglio a $ 75 pesanti.
Sembra puntuale. Come Greenfield osserva seccamente nella sua introduzione, “Ora viviamo in una società in cui il nostro più alto funzionario pubblico è uno sviluppatore immobiliare e una star del reality che vive in un attico al sessantaseiesimo piano decorato con il suo nome e decorato in un Louis Stile XIV, con soffitti dipinti con oro 24 carati, pareti di marmo e colonne corinzie. “

“Fare festa sul ponte del Titanic”

“Avevo voluto fare il naso da quando avevo dodici anni”, ha detto Lindsey a Lauren Greenfield. Credito: cortesia Lauren Greenfield / ISTITUTO
Il libro è, francamente, quasi troppo pesante da gestire. Greenfield riposa su un tavolo mentre sfoglia le sue circa 500 pagine, sottolineando le immagini.
Il concorrente del concorso di bellezza Eden Wood, 6 anni, è una visione minuta in showgirl rosa nel 2011. I suoi abiti costano più di $ 3.500. Serenamente, la Greenfield ha fotografato l’Eden proprio mentre stava per ritirarsi dalla competizione (200 titoli vinti) per concentrarsi sullo sviluppo di una bambola simile a un sosia e su un reality show intitolato “Eden’s World”. (Se è così incline, puoi controllare il trailer del 2012 online. “Io sono Eden Wood, diva!” Squittisce lei.)
Su diverse pagine, la socialite canadese (il sogno americano diventato internazionale), la filantropo e la moglie del miliardario Suzanne Rogers, 40 anni, indossa scarpe e borsette Hermes, fotografate a casa a Toronto nel 2010, con gli occhi spalancati e il sorriso “stagionale” armadi. Ogni scatola da scarpe viene fornita con una foto della scarpa all’interno per una facile identificazione. L’icona di stile di Suzanne (almeno nel 2010) è stata davvero deliziosa da “Chitty Chitty Bang Bang”. (E chi sono io per prendere in giro? Quanti uomini hanno fantasticato di essere James Bond, un’altra creazione di Ian Fleming?)
Gli uomini ostentano la loro ricchezza nei nostri volti. Durante una cerimonia di premiazione musicale a Los Angeles nel 2004, il rapper e produttore discografico Lil Jon mostra i suoi denti, incisivi centrali avvolti in una griglia di diamante e platino del valore di $ 50.000.
In vacanza a St. Barts, il ventinovenne Brett Ratner, direttore della serie “Rush Hour”, sembra aver appena vinto la lotteria, il suo sorriso è largo quanto la carta Amex di platino incollata alla fronte. Il suo amico applaude una grossa mazzetta di banconote da $ 100 proprio di fronte all’obiettivo di Greenfield.
Greenfield dice che non è stato fino al crollo finanziario nel 2008 che ha realizzato il tema fondamentale del suo lavoro.
“Avevamo perso la bussola morale e facevamo festa sul ponte del Titanic”, dice.
Crede di aver documentato un cambiamento fondamentale nella società americana. In passato, gli americani erano soliti confrontarsi con i loro vicini e aspiravano al vicino che aveva un po ‘di più. Ma la reality TV ha cambiato tutto questo.
“Ora conosciamo i personaggi in TV meglio dei (nostri) vicini e aspiriamo a ciò che hanno”.
(Inevitabilmente, non c’è modo di sfuggire ai Kardashian. Attraversando il suo archivio, Greenfield fu sorpresa di scoprire che nel 1992 aveva scattato una foto della dodicenne Kim Kardashian e della sorella tredicenne Kourtney in una scuola danza a Bel Air, Los Angeles. Secondo Forbes Magazine, “Tenere il passo con i Kardashian” ha guadagnato la famiglia $ 122 milioni solo l’anno scorso.)

La realtà della ricchezza

Tutti vogliono un corpo migliore, vestiti migliori, una macchina migliore, una casa più grande, una piscina e vivere in una comunità chiusa sotto il sole della California, a Las Vegas e in Florida.
Un rapporto del 2017 dell’American Society of Plastic Surgeon ha rivelato che gli americani hanno speso $ 16,4 miliardi in chirurgia plastica estetica nel 2016, rispetto ai $ 9,4 miliardi del 2005. Secondo il Census Bureau , nello spazio di 30 anni – dal 1983 al 2013 – il la casa americana media si è espansa da 1.725 piedi quadrati a 2.598 piedi quadrati, con debito ipotecario nazionale per un totale di $ 8.63 trilioni al 31 marzo 2017, secondo la Federal Reserve .
Suzanne Rogers nel suo armadio "stagionale" nel 2010.

Suzanne Rogers nel suo armadio “stagionale” nel 2010. Credito: Cortesia Lauren Greenfield / ISTITUTO
Greenfield paragona la crisi immobiliare americana alla “visita alle rovine archeologiche”. In un’immagine inquietante, tre ragazzi del college si incontrano in piscina nella San Joaquin Valley in California nel 2012. Uno di questi si trova nella piscina vicino alla fine – le mani in jeans. Non c’è acqua nella piscina. Lui ei suoi amici stanno affittando una proprietà recuperata: una villa di sette metri e sette metri, completa di vasca idromassaggio.
Anche se Greenfield è più interessato a coloro che aspirano alla ricchezza, sparsi per il libro sono le celebrità inevitabili – Donatella Versace, Karl Lagerfeld, Elton John, Imelda Marcos. In uno studio televisivo di New York nel 2005, la comica (e tarda regina della chirurgia plastica) Joan Rivers si sta ritagliando il rossetto mentre aspetta di essere intervistato dal guru dello stile di vita Martha Stewart.
“Generation Wealth” è anche disseminato di oggetti desiderati: una sportiva Chrysler Crossfire spolverata abbandonata all’aeroporto di Dubai dopo che il proprietario è apparentemente fuggito, una borsa in edizione limitata tempestata di cristalli Swarovski a forma di un cartone pieno di patatine fritte di McDonald’s, e una toilette in oro massiccio in una gioielleria di Hong Kong. Questo è un gabinetto che le persone fanno la coda per vedere, apparentemente a migliaia e persino occasionalmente. A loro piace sedersi sul trono e fare selfie.
Ho concluso la nostra intervista chiedendo a Greenfield quanto sia diffusa la convinzione che la cultura della “ricchezza generazionale” sia diventata.
“La realtà è proprio di fronte a noi”, fu la risposta schietta.
“Generation Wealth” di Lauren Greenfield, pubblicato da Phaidon, è ora 
80%
Awesome
  • Design

Leave A Reply

Your email address will not be published.