La silenziosa battaglia di Facebook per uccidere la prima legge sulla trasparenza per gli annunci politici online

0 204

L’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg ha dichiarato ieri che la società si compiace di una maggiore regolamentazione, in particolare per rendere trasparente la pubblicità politica online. Ma negli ultimi mesi, Facebook ha tranquillamente combattuto i legislatori per impedire loro di passare un atto che fa esattamente questo, sostenitori della trasparenza della campagna elettorale e lo staff del Congresso dicono a Quartz.

L’Honest Ads Act è stato introdotto lo scorso ottobre per chiudere una scappatoia che è esistita da quando i politici hanno iniziato a fare pubblicità su Internet, e ci si aspettava da molti di navigare attraverso il Congresso. Venuto al Congresso per indagare sul modo in cui la Russia ha usato le compagnie tecnologiche per influenzare le elezioni del 2016, è stato considerato da molti a Washington DC come il minimo che i legislatori potrebbero fare per affrontare il problema.

L’atto introduce le regole di divulgazione e disclaimer alla pubblicità politica online. Le aziende tecnologiche dovrebbero tenere copie degli annunci elettorali e renderli disponibili al pubblico. Le pubblicità dovrebbero anche contenere disclaimer simili a quelli inclusi in TV o stampare annunci politici, informando gli elettori che hanno pagato per l’annuncio, quanto e chi hanno preso di mira.

“Il vantaggio di avere disclaimer su tutti gli annunci politici [è] la pubblicità più sospetta sarebbe più identificabile”, ha detto Brendan Fischer, direttore della riforma della Commissione federale e delle elezioni federali presso il Centro legale della campagna (CLC) a Washington.

In un voto di fiducia da Washington divisa in due, l’atto è stato sferrato da un gruppo bipartisan di senatori – John McCain, il repubblicano dell’Arizona, e dai democratici Amy Klobuchar del Minnesota e Mark Warner della Virginia – e attualmente ha il sostegno di 18 senatori . Ma non è stato spostato dal comitato su “Regole e amministrazione” da quando è stato introdotto, grazie in parte agli sforzi di lobbying di Facebook.

Fischer, coautore di un rapporto CLC sulle vulnerabilità degli Stati Unitionline dopo le elezioni del 2016, accusa Facebook di “lavorare dietro le quinte usando le leve del potere per impedire a qualsiasi legislazione di andare avanti”.

Il peso di lobbying di Facebook

I lobbisti della compagnia stanno cercando di dissuadere i senatori dal trasferire l’Honest Ads Act in avanti, dicono alcuni aiutanti del Congresso.

L’argomentazione di Facebook nei confronti del Congresso dietro le quinte è stata che essi “aderiscono volontariamente” alla maggior parte di ciò che chiede l’Honest Ads Act, quindi perché approvare una legge, ha detto che un membro del Congresso sta lavorando sul conto. Anche Facebook non vuole essere responsabile per il mantenimento del repository pubblicamente accessibile della pubblicità politica, comprese le informazioni di finanziamento, che l’atto richiede, ha detto lo staffer.

Facebook ha speso circa $ 3,1 milioni nel lobbying del Congresso e di altre agenzie governative degli Stati Uniti nell’ultimo trimestre del 2017, su questioni che includono l’Honest Ads Act secondo il suo ultimo modulo di divulgazione federale . Ha inoltre firmato Blue Mountain Strategies, una società di lobby fondata dall’ex capo dello staff Warner, una presentazione del 30 ottobre 2017 .

Fa parte di un massiccio aumento delle attività di lobbying negli ultimi anni.

Le opinioni mutevoli di Facebook

Interrogato sulle accuse di ostruzione prima della comparsa pubblica di Zuckerberg del 22 marzo, un portavoce di Facebook ha puntato Quartz sulla richiesta di guadagni della compagnia per l’ultimo trimestre del 2017 , in cui Zuckerberg ha menzionato alcuni dei modi in cui Facebook è stato proattivo.

“Sosteniamo il Congresso che passa la legislazione per rendere più trasparente tutta la pubblicità, ma non aspetteremo che agiscano”, ha affermato.

Ieri (22 marzo), Zuckerberg si è rivolto specificamente alla legge sugli annunci pubblicitari, e sembrava suggerire che la società avrebbe potuto cambiare idea, ma ha detto che il disegno di legge non sarebbe passato comunque. “Prendi l’Honest Ads Act”, ha detto Zuckerberg in un’intervista a Wired . “La maggior parte delle cose lì dentro, da quello che ho visto, è buona. Lo sosteniamo. Stiamo creando strumenti completi per la trasparenza degli annunci; anche se non sembra necessariamente che quel disegno di legge specifico verrà approvato, andremo a implementarne la maggior parte in ogni caso. ”

In primo luogo, è grazie a Facebook che le aziende online non devono identificare le fonti di finanziamento per gli annunci politici o tenere registri accessibili al pubblico. La società ha usato una strategia legale creativa per stabilire una scappatoia nei requisiti di divulgazione, come Quartz ha scritto in precedenza :

“Facebook ha sostenuto con successo che la società non avrebbe dovuto rivelare chi era dietro la pubblicità politica perché la commissione non richiedeva che i comitati politici includessero disclaimer su pulsanti, adesivi o altri piccoli oggetti in cui” non poteva essere facilmente stampato “, in questo Lettera del 2011 (pdf, pag.8) che chiede chiarimenti alla FEC “.

Gli ostacoli alla regolamentazione della tecnologia

Facebook che lavora per fare pressioni sul Congresso per non approvare le leggi è un esempio dei principali ostacoli che i legislatori devono affrontare nella regolamentazione delle grandi aziende tecnologiche, dicono gli esperti del settore e della politica. “Le società tecnologiche di grande successo hanno strategicamente coltivato il sostegno bipartisan attraverso attività di lobby e finanza, e una percezione pubblica di essere benigni”, ha detto Raj Goyle, un legislatore dello stato del Kansas ed ex candidato al Congresso, che ora è il co-CEO della piattaforma tecnologica legale Bodhala.

“Ciò che deve accadere è un’indagine molto approfondita e una messa in onda pubblica del funzionamento di queste piattaforme”, ha affermato. Facebook “non conosce nemmeno il potere della propria piattaforma”, ha detto.

Mentre lo sforzo del Congresso sugli annunci pubblicitari onesti è in fase di stallo, c’è stata un’azione di regolamentazione: una sentenza di dicembre della FEC che un gruppo politico deve includere dichiarazioni di non responsabilità sui suoi annunci di Facebook che richiedono l’elezione o la sconfitta di un candidato. Ma la decisione è ristretta, hanno detto i regolatori, applicando solo a situazioni identiche a quella che hanno stabilito.

La Federal Trade Commission sta anche esaminando se Facebook abbia violato un decreto di consenso del 2011 consentendo a terzi di raccogliere informazioni personali senza la conoscenza degli utenti.

80%
Awesome
  • Design

Leave A Reply

Your email address will not be published.