Con Facebook distratto, Google sta andando all’offensiva

0 258

Mentre l’ ottone di Facebook si è rintanato ieri per far fronte alle ricadute delle rivelazioni sulla privacy dei dati che hanno cancellato più di $ 50 miliardi nel valore di mercato in due giorni, il suo principale rivale, Google , si rivolgeva alla più grande clientela delle due aziende: l’industria pubblicitaria.

“Ti ascoltiamo”, ha detto Matt Brittin, responsabile EMEA di Google, in un audaceum alla Advertising Week Europe, in una presentazione dal titolo “La pubblicità funziona per tutti”. “Ti sentiamo quando dici che vuoi trasparenza, vuoi sicurezza, vuoi una protezione dalle frodi … Ti sentiamo forte e chiaro. ”

Il gigante della ricerca, che comanda quasi un terzo delle entrate annuali della pubblicità digitale in tutto il mondo, sta cercando di rassicurare gli inserzionisti che si sono preoccupati della sicurezza del marchio e della trasparenza , mentre i concorrenti come Amazon e Snapchat mangiano il loro pezzo di torta . La distrazione di Facebook potrebbe essere un’opportunità per Google di prendere una fetta ancora più grande per se stessa.

Facebook non ha innovato i suoi modelli di annunci

Gli inserzionisti e le agenzie che hanno parlato con Quartz hanno detto che lo scandalo sull’utilizzo dei dati di Facebook da parte di Cambridge Analytica nella campagna presidenziale di Donald Trump non è stato motivo di tagliare ancora la spesa. Ma alcuni hanno affermato che non aumenterebbero i budget per Facebook neanche prima che la notizia si rompesse.

Il social network non ha innovato i suoi modelli pubblicitari tanto quanto i suoi concorrenti. E i suoi numeri di traffico lasciano molto a desiderare. La crescita degli utenti di Facebook ha rallentato più del previsto lo scorso trimestre e gli utenti del sito hanno speso decine di milioni di ore in meno con la rete di social media ogni giorno.

 “Potrei spendere quel denaro in più su Google”, afferma un dirigente di un’agenzia pubblicitaria. 

“Questo non è esattamente attraente per un’azienda Fortune 500 o Fortune 100 che spende molti soldi con te”, ha detto Michael Bertini alla società di marketing digitale iQuanti, che ha recentemente ritirato un cliente su gran parte della sua spesa su Facebook. “Pensano, ‘Bene, potrei andare a spendere quei soldi con campagne di remarketing, potrei spendere quei soldi in più su Google, potrei spendere quei soldi su YouTube.’ ”

Google ha introdotto nuove unità pubblicitarie; ha annunciato un nuovo programma questa settimana che consente ai rivenditori di elencare i loro prodotti sullo spazio Shopping sponsorizzato da Google e su altre piattaforme e il mese scorso ha lanciato uno strumento che utilizza l’apprendimento automatico per inserire annunci, per citare due esempi recenti. E ha lanciato un filtro per gli annunci per il suo browser Chrome all’inizio di quest’anno che blocca gli annunci che non rispettano gli standard fissati da un gruppo di commercio industria che funziona con. La società ha anche dichiarato di aver rimosso 3,2 miliardi di annunci non validi nel 2017 .

Google è più trasparente

La presentazione della Settimana pubblicitaria ha esaltato gli sforzi di Google per essere più trasparente con le persone sui dati che raccoglie e utilizza, combatte i cattivi annunci online e libera il sito di contenuti offensivi con più recensioni umane e machine learning.

Un anno fa, nello stesso evento, Google, come Facebook oggi, si scusava con i marchi dopo che gli annunci apparivano in contenuti estremisti o offensivi. Ha inoltre subito un contraccolpo dopo che i video che sembravano sfruttare i bambini scivolati passavano i suoi filtri su YouTube, video inappropriati apparsi su YouTube Kids (paywall) e, più recentemente, video di cospirazione indirizzati ai sopravvissuti delle riprese della scuola Parkland apparivano nella pagina Trending di YouTube.

 “Vuoi sicurezza, vuoi protezione antifrode … Ti sentiamo forte e chiaro”, ha detto un inserzionista di Google agli inserzionisti. 

Google ha detto che sta assumendo più moderatori umani per risolvere questi problemi e utilizzando l’apprendimento automatico per contrassegnare più contenuti, tra gli altri sforzi. Google si è impegnato inoltre a far verificare a tutti i video i videodel programma Google Preferred che include il 5% dei canali su YouTube più sicuri per gli inserzionisti, un processo che si dice sia stato completato nel Regno Unito e si propone di completare in altri paesi all’interno del le prossime due settimane.

Martedì, Google ha annunciato nuovi sforzi per gli editori, alcuni dei quali si sono sentiti respinti dai recenti cambiamenti dell’algoritmo di Facebook. È stato pubblicato Iscriviti con Google , che le persone possono utilizzare per iscriversi a abbonamenti alle notizie tramite Google. (Anche Facebook sta testando le funzionalità degli abbonamenti ). Bloomberg ha riferito che gli editori manterrebbero l’85-90% delle entrate quando i lettori acquistano per la prima volta gli abbonamenti tramite il programma, a differenza del 70% ottenuto tramite gli abbonamenti tramite Google Play Store. E ha annunciato un’iniziativa da 300 milioni di dollari per finanziare progetti di “giornalismo di qualità” nei prossimi tre anni.

Naturalmente, Facebook ha ancora un pubblico di oltre 2,2 miliardi di utenti attivi mensilmente che molti marketer non possono ignorare. Ma la distrazione sulla privacy dei dati potrebbe impedire alla società di innovare e far crescere il suo pubblico, spingendo gli inserzionisti digitali in altre braccia.

“Ha l’opportunità di affrontare alcuni problemi che c’erano prima di tutto questo”, ha dichiarato Kyle Bunch, amministratore delegato di social presso R / GA. “Ma se continua sulla strada di quello che è il minimo che possiamo fare per aiutarlo a uscire, sembra che potremmo sicuramente iniziare a vedere un cambiamento più tangibile ad altre piattaforme pubblicitarie”.

80%
Awesome
  • Design

Leave A Reply

Your email address will not be published.