Facebook il collasso al tramonto

0 235

ulla scia della controversia sulla manipolazione degli elettori checirconda la società britannica Cambridge Analytica, il ministro della legge e dell’informatica indiano Ravi Shankar Prasad, il 21 marzo, ha lanciato un chiaro avvertimento al CEO di Facebook Mark Zuckerberg.

“Signor Mark Zuckerberg, è meglio notare l’osservazione del (il) ministro IT dell’India. Diamo il benvenuto al (sic) profilo Facebook dall’India sono i più alti del mondo. Ma se il furto di dati di indiani è fatto con la collusione del (il) sistema di Facebook, questo non deve essere tollerato. Abbiamo un potere stringente sotto l’azione dell’IT. Lo useremo, inclusa la convocazione in India “, ha detto Prasad .

Più tardi nel corso della giornata, Zuckerberg finalmente ruppe il suo silenzio sul fiasco di CA. In una dichiarazione pubblicata sulla sua pagina Facebook , ha dichiarato: “Abbiamo la responsabilità di proteggere i tuoi dati e, se non possiamo, non meritiamo di servirti”.

In un’intervista con la CNN , Zuckerberg ha dichiarato di aver compreso la necessità di garantire la sicurezza dei dati durante le elezioni indette nel 2019, tra gli altri:

C’è un sacco di duro lavoro che dobbiamo fare per rendere più difficile agli stati-nazione come la Russia fare interferenze elettorali, fare in modo che i troll e le altre persone non possano diffondere notizie false, ma possiamo ottenere di fronte a questo . E abbiamo la responsabilità di fare questo, non solo per i mesi intermedi del 2018 negli Stati Uniti … ma ci sono grandi elezioni in India quest’anno, ci sono grandi elezioni in Brasile, ci sono grandi elezioni in tutto il mondo, e puoi scommettere che noi sono davvero impegnati a fare tutto ciò di cui abbiamo bisogno per assicurarci che l’integrità di quelle elezioni su Facebook sia garantita.

Ma il Bharatiya Janata Party (BJP) indiano, in particolare, i principali partiti politici del paese, ha una relazione complicata con la piattaforma dei social media. Tuttavia, i commenti di Prasad si distinguono per la loro nitidezza.

La causa scatenante, ovviamente, è la società di consulenza politica di Cambridge Analytica, la presunta estrazione dei dati personali di quasi 50 milioni di utenti di Facebook senza il loro consenso. Per raccogliere informazioni sugli elettori, la società ha creato un’app per il quiz di personalità a pagamento su Facebook che raccoglieva in modo nascosto i dati sugli utenti e i loro amici.

La Federal Trade Commission negli Stati Uniti ora sta indagando su Facebook , mentre i parlamenti britannico ed europeo hanno convocato Zuckerberg sull’argomento.

La rivelazione ha anche inviato increspature in tutta l’ India, il paese con la più grande base di utenti di Facebook di oltre 241 milioni . E dato che ha uno degli elettori più giovani del mondo insieme all’utilizzo di smartphone in rapida crescita, tali violazioni dei dati – e il loro potenziale uso improprio  possono causare danni materiali.

Politica indiana e FB

Negli ultimi anni, i politici e i partiti politici indiani hanno fatto ricorso ai social media con molto entusiasmo. La capacità di raggiungere direttamente i cittadini, senza i media tradizionali e le interferenze critiche del opinionista, è stata una delle ragioni principali per questo. Questo è oltre l’enorme base di utenti di queste piattaforme tra gli indiani.

I social media hanno svolto un ruolo fondamentale durante le elezioni del 2014 in India, diffondendo non solo materiale per campagne politiche kosher ma anche un potente mix di notizie false, un blitzkrieg informativo e altre forme di manipolazione.

Diversi politici hanno usato Facebook, Twitter, WhatsApp e YouTube per fare campagna, ma è stato Modi, già il più popolare politico indianosu Twitter, la cui impronta digitale ha fatto più notizia .

In vista delle elezioni del 2014, il BJP ha creato una ” stanza della guerra digitale ” con un team di 40 professionisti, per lo più diplomati dell’elite Indian Institutes of Technology e dell’Indian Institute of Management, per gestire la presenza digitale del partito.

“È come una campagna a 360 gradi che è stata presa al di là di Internet in queste elezioni. Ci colleghiamo alle persone attraverso varie piattaforme, compresi siti di social networking come Facebook e Twitter, e applicazioni come WhatsApp ” , ha dichiarato a Mail Today nel 2014 Arvind Gupta, che ha diretto quella squadra .

La relazione, in particolare con Facebook, è continuata dopo la spettacolare vittoria di Modi. Nel 2015, Modi ha trascorso quasi un’ora al quartier generale della California, in chat , con Zuckerberg. Il primo ministro fece anche un municipio, indicando anche i genitori di Zuckerberg. Nel frattempo, anche i colleghi ministeriali di Modi hanno interagito strettamente con il fondatore di Facebook.

Ma non è stato tutto liscio per Facebook.

Free Basics, una delle sue iniziative che offre un servizio internet gratuito ma limitato, ha sollevato una tempesta in India. Nel febbraio 2016, l’Autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni dell’India si è pronunciata a favore della neutralità della rete, facendo precipitare le speranze di Zuckerberg di portare il servizio a zero rating in India.

Ora, il caos sporco di Cambridge Analytica minaccia di minare la credibilità dei principali partiti politici del paese.

Per esempio, il partito del Congresso ha accusato il BJP-Janata Dal United (JDU) di aver preso assistenza da Ovleno Business Intelligence (OBI), un’affiliata indiana della società madre di Cambridge Analytica, Strategic Communications Laboratories, per le elezioni dell’assemblea del Bihar del 2010. Sito web della società si riferisce ad una “approfondita analisi elettorato” nello stato settentrionale indiano, aggiungendo che il suo “cliente ha ottenuto una vittoria schiacciante, con oltre il 90% dei seggi totali mirati da CA per essere vinta.” Infatti JDU aveva vinto con una frana la maggioranza dei quattro quinti allora.

Il BJP ha contrastato l’accusa con un proprio insieme, affermando che la società britannica aveva rapporti segreti con il Congresso.

Infatti, durante le elezioni generali indiane del 2014, Cambridge Analytica aveva riferito di aver contattato sia il Congresso che il BJP, anche se nessuna delle due alleanze si è conclusa. L’azienda ha riferito di aver inviato di nuovo degli stimoli per le prossime elezioni generali del 2019 .

80%
Awesome
  • Design

Leave A Reply

Your email address will not be published.