L’artista dietro la pittura più grande del mondo spera di raccogliere 30 milioni di dollari in beneficenza

0 115
in artista britannico ha rilevato la sala da ballo di un hotel di lusso a Dubai per produrre il più grande dipinto mai realizzato su tela.
L’opera d’arte di 17.000 piedi quadrati verrà ora tagliata in 70 pannelli separati, che il pittore Sacha Jafri metterà all’asta nella speranza di raccogliere 30 milioni di dollari in beneficenza.
Intitolato “The Journey of Humanity”, il lavoro è più o meno equivalente per dimensioni a quattro campi da basket regolamentati dall’NBA. È stato dipinto presso l’Atlantis The Palm Hotel a Dubai, dove aveva sede Jafri quando gli Emirati Arabi Uniti hanno introdotto misure di blocco per rallentare la diffusione del Covid-19.
“Ero bloccato a Dubai e volevo creare qualcosa di toccante, qualcosa che significasse qualcosa”, ha detto in una videochiamata dall’hotel, prima di completare l’opera d’arte. “Qualcosa che potrebbe potenzialmente fare una grande differenza”.
Oltre alla pennellata e alla pittura a goccia dello stile astratto di Jafri, che lui chiama “realismo magico”, il dipinto presenta lavori presentati online da bambini di tutto il mondo. Centrati sui temi della connessione, della separazione e dell’isolamento durante la pandemia, i contributi dei bambini sono stati stampati su carta e incorporati nel dipinto, dove sono concentrati in otto “portali” circolari sulla tela.
“Ho chiesto ai bambini del mondo di inviare le loro opere d’arte – come si sentono ora, le loro emozioni”, ha detto Jafri. “Noi adulti stiamo trovando questo difficile. Abbiamo trovato gli ultimi cinque mesi molto difficili, molto confusi, molto frustranti e abbastanza spaventosi. Ma immagina come si sente un bambino di 4 anni”.

“Ispirato all’umanità”

Il dipinto ha richiesto sette mesi per essere completato e comprende quattro sezioni. Il primo rappresenta “l’anima della Terra”, ha detto Jafri, aggiungendo che gli altri alludono alla natura, all’umanità e all’universo più ampio.
L’opera d’arte è pronta per andare in tour, che la vedrà appesa verticalmente nel grattacielo a forma di cornice di Dubai e proiettata sull’edificio più alto del mondo, il Burj Khalifa. Il dipinto verrà quindi tagliato in 70 pezzi separati, che verranno incorniciati e venduti singolarmente in un’asta a Dubai.
“Puntiamo a raccogliere 30 milioni di dollari, che andranno ad aiutare i bambini più poveri del mondo con l’istruzione, la connettività, la salute e i servizi igienico-sanitari”, ha detto Jafri, aggiungendo: “Ogni persona che acquista un pannello ne possiederà (non solo) un pezzo del dipinto più grande mai creato al mondo, ma possiederanno un pezzo di storia, perché quello che stiamo facendo con quei soldi è enorme.
L'artista Sacha Jafri al lavoro, nella sala da ballo di un hotel a Dubai, su quello che dovrebbe essere il dipinto più grande del mondo

L’artista Sacha Jafri al lavoro, nella sala da ballo di un hotel a Dubai, su quello che dovrebbe essere il dipinto più grande del mondo Credito: Pyong Sumaria
Il progetto fa parte dell’iniziativa Humanity Inspired, che ha collaborato con enti di beneficenza tra cui Unicef ​​e Unesco per assistere i bambini bisognosi.
Jafri, che ha studiato al collegio britannico d’élite Eton insieme al principe William, duca di Cambridge, ha affermato che il progetto è stato approvato da oltre 100 figure di alto profilo tra cui Eva Longoria e Rita Ora.
Questo articolo è stato aggiornato per riflettere che la grafica è ora completata.

Leave A Reply

Your email address will not be published.