Le borse Lancel dal colosso Richemont all’italiana Piquadro

0 273

Non capita spesso che un’azienda italiana della moda compri un marchio francese. Ancora più raro che a farlo sia un gruppo relativamente giovane, come Piquadro, fondato a Bologna nel 1987, e che la “preda” sia un’iconica maison con 176 anni di storia, ceduta dal colosso del lusso Richemont. È appena successo, però: l’azienda bolognese guidata da Marco Palmieri, quotata alla Borsa di Milano dal 2007 e con un fatturato 2017-18 che ha sfiorato i 100 milioni, ha annunciato l’acquisizione di Lancel, nata nel 1876 a Parigi e famosa nel mondo per le sue borse.

«La maison ci interessava perché è complementare ai nostri due altri marchi, Piquadro e The Bridge: l’obiettivo è costruire un polo della pelletteria premium, che alcuni chiamano lusso aspirazionale o accessibile». Insoliti e molto favorevoli a Piquadro i termini dell’operazione: come prezzo per l’acquisizione, Richemont riceverà una quota degli utili realizzati dal gruppo Lancel nei prossimi dieci anni e la quota complessiva non potrà eccedere i 35 milioni. «Non solo: Lancel ha una posizione finanziaria netta di 41 milioni, che useremo per rilanciare la maison a livello globale, preservandone il Dna e lo stile francese», sottolinea Palmieri, che sarà presidente di Lancel ma lascerà il ruolo di amministratore delegato a un manager italiano con una lunga esperienza in aziende di moda, anche francesi.

80%
Awesome
  • Design

Leave A Reply

Your email address will not be published.